MARTINSICURO – L’associazione Anffas di Martinsicuro chiede un incontro con l’amministrazione comunale per cercare di sbrogliare la questione della realizzazione dello stabilimento balneare “Adriatico handisport 2000”. «La domanda è stata depositata in Comune – ha spiegato Danila Corsi, presidente della sede locale dell’associazione – e pertanto aspettiamo la risposta dell’amministrazione comunale».

«Da quando questa vicenda è iniziata – ha proseguito la Corsi – cioè lo scorso mese di dicembre, ci saremmo aspettati di essere contattati dal Comune, ma dato che questo finora non è avvenuto, abbiamo avanzato formalmente la richiesta di un incontro poiché non possiamo più andare per le lunghe».

Il progetto per lo stabilimento balneare attrezzato per ospitare disabili anche gravi ha già ottenuto una parte dei finanziamenti ministeriali per la realizzazione della struttura, ma i fondi rischiano di andare perduti dato che il Ministero non può concedere ulteriori proroghe al rinvio dei lavori.

Lo scorso 6 febbraio, inoltre, l’Agenzia delle Dogane di Pescara ha rilasciato all’Anffas l’autorizzazione all’esecuzione del progetto. Manca però allo stato attuale dei fatti un sito dove realizzare la struttura, dato che lo scorso 18 dicembre il Comune ha stralciato dal vigente Piano Spiaggia l’area che sarebbe dovuta andare all’Anffas.

«In relazione alla sospensione della pratica relativa al progetto – ha spiegato il presidente dell’associazione – l’Anffas onlus di Martinsicuro avrebbe potuto scegliere la via dell’immediato ricorso al Tar. Ciò avrebbe comportato l’eventuale blocco della variante del piano spiaggia, con conseguenze negative per gli operatori turistici locali. Nonostante la posizione di scontro voluta dall’Amministrazione comunale nei confronti dell’Anffas, ci siamo limitati a difendere un risultato riconosciutoci dalla Regione Abruzzo e dallo Stato coinvolgendo anche la società civile, informando i cittadini e rendendoli partecipi della storia del nostro progetto».

Attualmente l’Anffas ha raccolto circa 3050 firme per la realizzazione dell’Adriatico Handisport e ha ricevuto la solidarietà di numerose associazioni onlus nazionali.

«Nonstante il blocco del progetto abbia creato notevoli disagi a tutto l’iter della realizzazione – ha concluso Danila Corsi – all’erogazione del contributo statale, al completamento delle opere e all’avvio dell’attività già nella prossima stagione estiva, l’Anffas nelle osservazioni alla variante al pdmc che ha presentato in Comune, si è resa disponibile anche all’assegnazione di un’area diversa da quella destinata nel vigente Piano Spiaggia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 461 volte, 1 oggi)