Mail Express-Romagna Est Bellaria 1-3
SAN BENEDETTO: Della Nina 2, Jurewicz 22, Gaspari M. 14, Faraone 5, Grigolon 8, Raffaelli 4, Ciancio (L), Timpanaro 2, Rossetti 2, Caucci, Piccirillo. Allenatore: Brutti.
BELLARIA: Tuccelli 3, Carmè 13, Zamagni 10, Campana 15, Tabarini F. 14, Tabarini A. 14, Bianchi (L), Valletta, Peccenini, Reali, Raggi 1, Lucchi. Allenatore: Gaspari E.
ARBITRI: Labanti e Mazzara di Bologna.
PARZIALI: 25-20 (20′), 21-25 (28′), 20-25 (27′), 23-25 (28′).
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si ferma a quota sette la serie di vittorie consecutive della Mail Express Volley, battuta a domicilio dalla capolista Bellaria. Sogni di gloria rimandati per i rossoblu? Chissà. Ci sono altre sette giornate per spiccare il volo dalla terza fila, occupata in compartecipazione con Ortona e Paglieta, ma certo i 6 punti da recuperare non sono pochi.
Aggancio fallito, dunque. E il rammarico è tanto: con più di mezza squadra acciaccata – recuperati in extremis i vari Grigolon, Gaspari, Della Nina e Faraone – San Benedetto non è riuscita a fare meglio che portare a casa il set inaugurale. Bellaria d’altro canto, la migliore squadra vista al PalaSpeca, ha dato prova di meritare la leadership del girone E, infliggendo il primo dispiacere del 2008 a Raffaelli e compagni.
«Sono più forti, merito a loro» ha commentato molto sportivamente a fine partita il coach rossoblu Alessandro Brutti. Che però non ha potuto fare a meno di notare: «Con tutti gli effettivi al meglio forse non sarebbe finita così». E sì perché il sestetto di Enrico Gaspari ha faticato, specie in avvio di partita, a trovare il bandolo della matassa.
Nel primo set la Mail Express, facendo leva su tre muri di fila di Faraone, scappa subito (7-3) e pian piano, grazie anche a Jurewicz, il quale nonostante sia ancora una volta risultato topscorer della serata, è calato incredibilmente nei set successivi, vede aumentare il suo vantaggio (20-11). Bellaria, molto fallosa in tutti i fondamentali, resta a guardare.
Tutta un’altra cosa il secondo parziale. Equilibrio fino al 7 pari poi il break decisivo, orchestrato dai gemelli Tabarini: 8-11. Gli ospiti cominciano a difendere forte e attaccare con maggiore incisività: in un amen è 19-12. Gaspari guida la riscossa (18-20), poi ci pensa Grigolon a dare ai rossoblu l’illusione di poter mettere a segno il secondo punto (21-22). Nel momento topico però San Benedetto si fa sopraffare: 1-1.
Molle il terzo set della Mail Express, che “regge” giusto un paio di punti, poi fa da spettatrice al dominio romagnolo. Quasi con una certa rassegnazione i padroni di casa lasciano che la capolista si porti in vantaggio.
Quarto set: ti aspetti che i rossoblu si giochino il tutto per tutto. Ma di benzina ce n’è poca. Equilibrio fino all’8 pari, poi un errore di Grigolon e un punto a testa dei gemelli Tabarini incanalano il gioco sulla sponda romagnola. Sul 21-24 Jurewicz annulla due palle set al Bellaria, ma la rimonta si spegne sul più bello.
Finisce con i 400 del PalaSpeca ad applaudire comunque gli uomini di coach Brutti. Si riparte da Montorio, sabato prossimo. Crederci ancora non costa nulla.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 914 volte, 1 oggi)