SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb in silenzio stampa. Non parla più nessuno: calciatori, staff tecnico e dirigenti. E’ il segnale, inequivocabile, che il momento è delicatissimo.

La decisione, presa direttamente dal presidente Gianni Tormenti, è stata ufficializzata nella mattina odierna (sabato 1° marzo). Segno che quanto ci aveva detto venerdì il numero uno del sodalizio di viale dello Sport – «Sono amareggiato, deluso….confuso» – è lo specchio fedele di una crisi non solo in termini strettamente tecnici, ma anche di rapporti interni.

E ci riferiamo alle mille polemiche che hanno fatto seguito al k.o. di Perugia e poi all’eliminazione della Coppa Italia, alla classifica di nuovo preoccupante, ai rapporti tesissimi tra il ds Nucifora e mister Piccioni, al disamore della tifoseria e agli attacchi, sferrati da una parte della piazza, alla proprietà.

Quadro preoccupante, insomma. C’è ancora una settimana prima di tornare in campo – al Riviera sarà di scena l’Arezzo – e magari ritrovare la serenità perduta. In caso contrario, lo abbiamo sottolineato più volte in questi giorni, salvarsi sarà un’impresa. E’ proprio il caso di dirlo: forza vecchio cuore rossoblu.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 973 volte, 1 oggi)