ACQUAVIVA PICENA – «Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol esser lieto, sia: di domani non c’è certezza». Ritrovarsi ad Acquaviva per festeggiare gli anni che passano ricordando i tempi della gioventù, lasciare i problemi quotidiani per trascorrere alcune ore in allegria.

Lo zoccolo duro della classe di ferro del 1954, quelli che risiedono nel comune acquavivano e si ritrovano ogni anno per festeggiare, sono stati ospitati da una brillante padrona di casa, la coetanea Loredana Induti che si è anche adoperata in cucina.

Sotto la sapiente guida della ormai consacrata cuoca del “54” Maria Silvestri, la “Vergara” l’organizzatrice e maga del pesce, coadiuvata da Marisa Pica e Valapa Sukcomkum (per gli amici Tuc) e da Maria Pica, hanno fatto meraviglie in cucina.

L’incontro ha visto la partecipazione dei coetanei, Elio Fontana, Vincenzo Rossi, Nunzia Mattoni, Altea Crivellucci, Giuseppina Travaglini , Franca Caucci, Ivana Rossi e Nello Gaetani.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 786 volte, 1 oggi)