ACQUAVIVA PICENA – «Sponsalia è una manifestazione primaria del comune ma senza la sede rischia di perdere la sua importanza» afferma il capogruppo di minoranza Daniela Straccia. Nell’ultimo consiglio comunale tenutosi giovedì 7 febbraio 2008, il riconoscimento di Sponsalia come manifestazione primaria del comune di Acquaviva era il punto più importante all’ordine del giorno.

«Durante la discussione – continua il consigliere comunale Straccia – si è riconosciuta alla rievocazione storica il valore di manifestazione primaria del Comune di Acquaviva e di patrimonio culturale immateriale. Con questo riconoscimento l’amministrazione comunale deve prendersi carico del Palio nella sua interezza. Abbiamo chiesto agli assessori se avevano in mente un progetto preciso ma alle nostre domande il vicesindaco Teodorico Compagnoni ha risposto che quello non era né il luogo né il momento per fare questi chiarimenti. Noi riteniamo che il Consiglio Comunale sia l’unico momento per noi dell’opposizione, visto che non ci sono altre possibilità di dialogo con la maggioranza».

«Abbiamo ricordato – spiega il capogruppo Straccia – che l’associazione “Palio del Duca” non ha più la propria sede: la Casa Celso Ulpiani recentemente restaurata con i fondi del terremoto è stata occupata dall’Università di Bologna e praticamente tolta al paese di Acquaviva».

«Riguardo alla raccolta differenziata – conclude il consigliere – abbiamo consigliato incontri di zona per verificare con i cittadini le diverse esigenze e valutare l’opportunità di praticare la raccolta porta a porta nel centro storico vista l’età media elevata dei residenti e l’esiguo numero degli stessi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 676 volte, 1 oggi)