RIPATRANSONE – Migliaia di chilometri di distanza si annullano in nome della solidarietà. La società ACG Installazioni Srl di Ripatransone – azienda leader nel mercato locale, si occupa di progettazione, installazione e manutenzione nel settore dell’impiantistica elettrica e termoidraulica – in collaborazione con i volontari del Comitato di Amicizia di Faenza socio di “Mani Tese” ha realizzato, nel mese di gennaio, alcuni impianti di irrigazione a goccia in Benin nell’Africa occidentale.

Il presidente della ACG Installazioni Srl – Cesare Zappasodi – ha offerto la sua esperienza e manodopera per la costruzione di un impianto nel dispensario di Pabégou e nell’orto acquistato dalle donne africane a Natitingou.

L’impianto di Pabégou – gestito dalle responsabili, Soeur Joseph Elisabeth Houedouto e Soeur Irénée Bankole, che vivono e lavorano presso il centro – attraverso un castello che raccoglie le acque piovane fornisce acqua anche nei mesi aridi e irriga, con un sistema a goccia, l’orto adiacente al dispensario. La struttura sanitaria è nata per fornire un primo soccorso ai malati dei villaggi, per garantire la vaccinazione dei bambini e per accogliere le partorienti in difficoltà.
L’orto di Natitingou rappresenta un primo esempio per sostenere e promuovere l’imprenditorialità femminile: l’impianto di irrigazione a goccia renderà finalmente produttivo un appezzamento di terra acquistato da una cooperativa di donne africane.

La patria dello schiavismo e del voodoo cerca una strada per riscattarsi dalla povertà imposta dal colonialismo francese senza perdere le proprie tradizioni culturali: la visita dello scorso 18 gennaio del Presidente del Benin Thomas Yayi Boni al Papa Benedetto XVI e il clima di collaborazione riscontrato tra le imprese italiane e beninesi sembra auspicare l’avvio di una proficua cooperazione indirizzata allo sviluppo del territorio africano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.215 volte, 1 oggi)