CUPRA MARITTIMA – «I sogni sono evaporati in una nube perché si sono scontrati con il muro della realtà». In questa frase è racchiusa l’essenza dell’opera di Serafino Sargentoni.

In “Evaporato in una nube” troviamo una serie di riflessioni sulla vita. Il poeta è alla ricerca una realtà che gli sfugge dalle mani. Affiora così tutta la malinconia dell’autore, lo sconforto lo pervade quando ha capito i sogni della gioventù oggi sono infranti.

In fondo alle sue parole c’è però qualche segno di speranza, c’è la voglia di credere ancora che i sogni sono realizzabili, c’è la convinzione che tutto ciò per cui si è lottato non può essere stato inutile.

Sargentoni è un poeta alchemico: le sue frasi sono pura alchimia, dai suoi testi emerge infatti il desiderio di una spiritualità superiore, come di una immensa luce.

Egli ricerca sia la realtà così com’è, sia la realtà come vorremmo che fosse, e l’unica soluzione per questa dimensione è lasciarsi cadere alla realtà delle cose rimanendo però saldi a ciò che vogliamo noi, a noi stessi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 523 volte, 1 oggi)