Mail Express San Benedetto-Polisportiva Appignano 3-0
SAN BENEDETTO: Della Nina 1, Jurewicz 17, Gaspari 13, Faraone 9, Grigolon 10, Raffaelli 8, Ciancio (L), Rossetti, Timpanaro, Caucci, Piccirillo. Allenatore: Brutti.
APPIGNANO: Pierini 5, Sacco 12, Carletti 5, Vitali 1, Vita 1, Prosperi 1, Mercuri (L), Aiuto 1, Matteucci, Caciorgna, Compagnucci, Rogante. Allenatore: Matteucci.
Arbitri: Valeria Tomeo e Alessandra Amidei della sezione di Latina.
Parziali: 25-16 (22′), 25-16 (21′), 25-10 (18′).
Note: prima della partita è stato osservato un minuti di raccoglimento in memoria del giovane arbitro e giudice di linea Roberto Garavelli di Piacenza, morto sul lavoro martedì scorso.
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alla Mail Express bastano 61 minuti per avere ragione di Appignano e mettere insieme la sesta vittoria consecutiva. La squadra rossoblu, nonostante un Della Nina a mezzo servizio (l’alzatore brasiliano ha giocato con la febbre), ha avuto vita facile contro il sestetto di coach Matteucci, praticamente mai in partita.
San Benedetto, lasciato alle spalle un mese e mezzo da incorniciare, può ora guardare con grande ottimismo alla doppia sfida di alta classifica, sabato prossimo nella tana di Paglieta e poi, l’8 marzo, dopo la sosta, al PalaSpeca contro la capolista Bellaria.
Ma torniamo alla sfida contro Appignano. Gli ospiti, privi del palleggiatore Matteucci, comunque seduto in panchina, hanno provato a mettere il bastone tra le ruote alla formazione di casa, senza però mai riuscirvi.
Per contro la Mail Express ha dimostrato, se mai ce ne fosse stato bisogno, che gli stenti di inizio stagione sono solo un brutto ricordo. Tre set in fotocopia, con i padroni di casa subito avanti e gli ospiti incapaci di recuperare il terreno perduto.
Sambenedettesi brillanti in tutti i fondamentali e con il solito Jurewicz a fregiarsi della palma di topscorer della partita. Ma anche gli altri hanno fatto bene. Faraone per esempio è stato un gigante sotto rete, Raffaelli e Grigolon sempre reattivi, Gaspari infine ha disputato una delle migliori gare in rossoblu.
Dall’altra parte merita di essere citato l’opposto Sacco, non solo per i 13 punti messi a referto, ma anche perché è stato uno degli ultimi a mollare.
L’allenatore rossoblu Alessandro Brutti a fine gara può sorridere: «La partita è filata via liscia come l’olio, forse è la prima volta che succede quest’anno, per cui non posso che ritenermi soddisfatto. Bravi i ragazzi a mantenere sempre alta la concentrazione, segno che abbiamo ormai fatto l’atteso salto di qualità. Ora contro Paglieta e Bellaria ci giocheremo il primo posto, un miraggio fino a qualche mese fa. Se temo un calo di tensione? No, stavolta no. Se perderemo sarà perché i nostri avversari saranno più bravi».
SERIE D. Bella vittoria anche per la seconda squadra maschile che battendo il Castelplanio 3-0 (25-19, 27-25, 25-20 i parziali), ha riscattato la sconfitta interna di sette giorni fa.
Il terzo atto della fase play off mercoledì sera, ore 21, alla palestra Moretti: avversario dei ragazzi di Marco Mattioli, Fermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 719 volte, 1 oggi)