CUPRA MARITTIMA – Da qualche mese la Gestor (agenzia di riscossione delle entrate comunali) risulta avere dei problemi in diversi Comuni d’Italia. Basta navigare su internet per leggere che i mancati versamenti al Comune di Brindisi ammontano a circa 5 milioni di euro. Al Comune di Bari invece il mancato versamento dei tributi è di circa 250 mila euro.
La Gestor è coinvolta in altri presunti reati quali la violazione della normativa sul diritto d’autore: presso una propria filiale di Bolzano infatti ha subito il sequestro da parte della Guardia di Finanza di supporti magnetici e programmi informatici.

Al Comune di Ferrara la stessa azienda avrebbe presentato autocertificazioni false per partecipare a una gara d’appalto.

Alla procura della Repubblica di Trani la Gestor è indagata per ipotesi di reato quali abuso d’ufficio, soppressione d’atti, illecita concorrenza con minacce o violenza, falso ideologico e uso abusivo di sigilli.

Il Consiglio di Stato ha scritto che «non può essere ravvisata la regolarità fiscale d’azienda».

Il gruppo consigliare di minoranza “Impegno per Cupra” ha presentato un’interrogazione scritta al sindaco di Cupra: lo scopo è quello di venire a conoscenza dei rapporti esistenti tra la società e l’amministrazione comunale.

Nell’interrogazione viene inoltre richiesta la documentazione relativa ai versamenti della Gestor alla Tesoreria Comunale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.153 volte, 1 oggi)