CUPRA MARITTIMA – Il poeta si autodescrive come “Evaporato in una nube“, dando così nome alla sua raccolta di opere inedite.

La natura poetica di Serafino Sargentoni è stata formata dalle avventure giovanili, dalle esperienze politiche e sociali degli anni settanta ma in particolare dal viaggio.

Nelle sue poesie si percepisce una sorta di trasformazione che dal basso porta verso l’alto.

“Evaporando”, appunto, la materia del corpo si sfalda come ogni certezza per abbandonarsi ad un mare di luce.

L’appuntamento, curato da Danilo Tomassetti, è per domenica 17 febbraio alle ore 17:00 presso la sala d’arte L’Arca dei Folli. Per l’occasione interverranno lo scrittore macedone Ismail Iljasi e il poeta pescatore Luciano Bruno. L’evento sarà arricchito inoltre dalle opere di Annunzia Fumagalli, Antonella Spinelli e Nazzareno Tomassetti.

I testi di “Evaporato in una nube” saranno letti da Roberta Fabrizi e Luca Vagnoni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 586 volte, 1 oggi)