GROTTAMMARE – Riguardo la notizia “Grottammare? Si illumina di più” (CLICCA QUI), da noi pubblicata nella giornata del 14 febbraio, abbiamo ricevuto un commento dell’assessore all’Ambiente Marcello Capriotti che pubblichiamo di seguito.

E’ assolutamente eccessivo mettere un simile titolo per uno scoop inesistente, falso e tendenzioso. Occorre togliere immediatamente quanto pubblicato, in quanto non si è pensato affatto, prima di agire. Se non si hanno notizie da divulgare, meglio; il silenzio a volte è megliore rispetto alle chiacchiere a vanvera. Bastava una telefonata in ufficio per comprendere, pur non essendo uno specialista, che cosa si stava facendo. Mi arrabbio quando vedo queste cose, perchè ci troviamo di fronte ad una mancanza di rispetto, proprio per quei lavoratori del pubblico impiego che troppo spesso sono presi come esempio negativo. Vi può sembrare strano, ma a Grottammare la manutenzione dell’illuminazione pubblica la svolgiamo ancora con forza lavoro interna, contrariamente a molti altri enti che lo hanno esternalizzato. Sfido chiunque a vedere qualche punto luce che non funziona, sugli oltre tremila che abbiamo. Aggiungo inoltre, che abbiamo fatto un accordo con l’Arpam per contollare tutti i dispositivi di sicurezza su vari tratti di utenze di nostra competenza, nel rispetto della legge 46/90. Guarda caso poi, proprio il giorno prima della giornata del risparmio energetico.

Abbiamo troppa stima dell’assessore Capriotti, persona genuina, per non capirlo. Ma anche lui dovrebbe capire alcuni aspetti del nostro lavoro. La prima, è che in quell’articolo non vi era nulla di offensivo, a partire dal titolo, molto ironico e adatto alla giornata odierna, “M’illumino di meno“, alla quale il Comune di Grottammare aderisce da anni. Abbiamo poi provveduto, quasi in tempo reale, a scrivere le spiegazioni che ci sono state date dall’amministrazione comunale; abbiamo infatti scritto solo di “piccolo passo falso“: nulla di così grave, insomma. Detto questo, la notizia resta: l’illuminazione pubblica era accesa di giorno, oltretutto nella giornata precedente ad una iniziativa sul risparmio energetico. L’ironia, involontaria, c’è, e un bravo giornalista non può non notare questi fatti. Non vi è nulla di grave e di irrimediabile, ma se già ci siamo occupati di casi simili in altre città (di recente a Giulianova: CLICCA QUI), nulla osta che lo dobbiamo e possiamo fare anche a Grottammare. In un giorno qualunque, non solo per “M’illumino di meno”.

La redazione

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 477 volte, 1 oggi)