TERAMO – La figura di Primo Levi attraverso una mostra in cui si ripercorre la sua vita e le sue opere in occasione del ventennale dalla sua scomparsa (11 aprile 1987). E’ stata inaugurata oggi venerdì 15 febbraio presso la Biblioteca provinciale di Teramo “Delfico” l’esposizione “Primo Levi. I giorni e le opere”, organizzata dalla Fondazione Fossoli con il contributo del Ministero della Pubblica Istruzione.

La mostra esplora i diversi ambiti della vita e dell’opera di Primo Levi, ripercorrendo il suo itinerario biografico e intellettuale e analizzando l’evoluzione del suo pensiero, le convergenze, le divergenze o i punti di crisi tra l’uomo, lo scrittore e il testimone.

Organizzata in pannelli, l’esposizione illustra in una prima fase i grandi avvenimenti biografici e storici che hanno inciso in modo significativo sull’opera di Levi e allo stesso tempo consente di contestualizzare il periodo e la condizione all’interno della quale si è sviluppata la sua produzione, nonché di comprendere la successiva ricezione del suo lavoro.

Successivamente propone i suoi scritti, la loro genesi e la loro evoluzione, dagli anni della formazione fino al 1945, per poi proseguire nei decenni successivi in cui si hanno le testimonianze esemplari ma faticose della sua esperienza di deportato.

La mostra itinerante, esposta in più versioni a Lione, Torino e nell’ex campo di concentramento di Fossoli di Carpi (Modena), prossimamente verrà allestita in altre città europee e nel museo di Auschwitz. A Teramo è stata curata a livello locale dall’Assessorato alla Cultura della Provincia e potrà essere visitata fino al 28 febbraio.

«In occasione del ventennale della morte di Primo Levi – ha affermato il direttore della biblioteca, Luigi Ponziani -, ricorderemo la personalità di uno dei protagonisti del Novecento in quanto vittima dell’Olocausto ma anche come importante romanziere. La mostra ci consente di ripercorrere sia gli aspetti storici che hanno portato alla tragedia infinita di cui Levi è stato una delle vittime, sia il tracciato letterario ed umano del grande scrittore».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 338 volte, 1 oggi)