SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’inizio della Quaresima per chi è cattolico non può non essere momento di riflessione. A tale riguardo riportiamo il messaggio del Vescovo, monsignor Gervasio Gestori, incentrato sul concetto di carità. Una carità intesa non solo come dono all’altro, ma anche come umiltà di ricevere i doni che gli altri fanno a noi.

«Nella vita di ogni persona che non voglia rinchiudersi egoisticamente in sé stessa, condannandosi al carcere dell’insensibilità e dell’infelicità esiste il dovere di dare e di venire incontro ai bisogni degli altri, che spesso non vogliono “cose”, ma desiderano tempo, pazienza, ascolto, amicizia, condivisione, accoglienza. E questo spesso vale molto di più che non l’offerta di qualcosa, perché viene incontro al bisogno di umanità. Ma oltre a “fare l’elemosina” bisogna vivere l’umiltà di riceverla. Non è forse vero che sentiamo fortemente il bisogno di essere amati? Ma spesso elemosiniamo amore in modo errato, cercando ciò che non è amore ma solo soddisfazione ed egoismo, oppure pretendendo di essere amati, quando in realtà l’amore non può mai venire preteso, perché è dono sublime».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 385 volte, 1 oggi)