Da circa un anno il Comune di San Benedetto ha incaricato alcuni giovani, selezionati e poi costituiti in gruppo di lavoro, di indicare un percorso attraverso il quale migliorare la visibilità e l’accessibilità del sito web del Comune. A tal proposito, per ora, pubblichiamo un articolo pubblicato dal nostro settimanale quasi due mesi fa.
dal settimanale Riviera Oggi numero 708 del 17 dicembre 2007

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cambierà, eccome se cambierà. In tempi brevi? Sì, compatibilmente con i tempi della pubblica amministrazione italiana, anche se è un annuncio che si ascolta da molto tempo.
Stiamo parlando del sito web del Comune di San Benedetto (www.comunesbt.it). Un primo passo in avanti è stato fatto alcuni mesi fa, con la semplificazione dell’indirizzo Url da cui accedervi, senz’altro necessaria per non complicare la vita agli utenti della rete meno abili con la gestione dei propri siti preferiti.
Ma l’aspetto grafico e la gestione dei contenuti sono ancora datati alla preistoria del Web. E’ un’affermazione senza tema di smentite, che anzi è condivisa da chiunque lavori nel Palazzo di viale De Gasperi. La pagina che dovrebbe illustrare i referenti dei nuovi settori di quella che è stata la recente riorganizzazione, per esempio, dopo quasi due mesi è ancora “in fase di riorganizzazione”…
Sono appena stati stanziati 25 mila euro per “progetti informatici”, cioè per la messa a norma del sito web rispetto alle normative sull’accessibilità per i disabili (legge Stanca) e per la sostituzione dei Pc obsoleti dalle scrivanie dei mille uffici comunali.
Il sito del Comune ha un’interfaccia informaticamente datata, nel senso che è abbastanza confusionaria, poco leggibile, con troppi elementi testuali e un’organizzazione dei contenuti poco “razionale”. E’ un sito web fatto come venivano fatti i siti web a cavallo dell’anno 2000, e per un’amministrazione comunale che ha fatto del rinnovamento uno dei suoi cavalli di battaglia non è certo il massimo.
Stavolta parrebbe che siamo sulla strada giusta: dopo lo stanziamento dei fondi ora sta terminando l’indagine di mercato e a gennaio ci dovrebbe essere la gara per individuare la ditta che cambierà il lay out grafico del sito e implementerà alcuni nuovi servizi.
Per marzo-aprile i cittadini potrebbero disporre di un nuovo sito web comunale.
LE NOVITA’ Quali sono le problematicità del sito che gli utenti da casa non vedono? Ne parliamo con Massimo Carloni, neo dirigente del settore “Innovazione e servizi ai cittadini”.
«Per l’aggiornamento dei contenuti vogliamo implementare un sistema Cms (Content Management System) che permetterà ai funzionari di ogni servizio comunale di aggiornare da soli le schede informative del sito. Oggi invece devono fare riferimento ogni volta all’ufficio Relazioni con il Pubblico.

Le redazioni periferiche – spiega Carloni – possono rendere più rapida e puntuale la comunicazione con il cittadino. Un altro obiettivo è la multicanalità, cioè permettere di trasferire le news del sito sui tabelloni elettronici nelle strade, sugli schermi all’interno del Comune o direttamente ai cittadini tramite messaggi Sms. Ovviamente il nuovo aspetto grafico del sito baderà molto alla semplicità e alla leggibilità».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 801 volte, 1 oggi)