GROTTAMMARE – Battere la Pro Vasto per continuare a sognare. Il Grottammare vive la vigilia della sfida casalinga al cospetto della formazione abruzzese con la voglia matta di non interrompere la striscia di risultati positivi: ben dieci.
Lasciata alle spalle la sosta e archiviato il pari di Morro d’Oro, il campionato riprende con una sfida particolarmente ostica per i biancazzurri.
GROTTAMMARE NON FERMARTI Sono passati esattamente tre mesi dall’ultima battuta d’arresto del Grottammare in campionato: all’11 novembre risale, infatti, il successo del Campobasso proprio al Pirani.
Da quella sfortunata domenica di San Martino in poi gli uomini di mister Izzotti hanno iniziato a macinare punti su punti – a referto sei vittorie e quattro pareggi – scalando la classifica fino al terzo posto.
Come ci ha detto nei giorni scorsi il portiere Domanico, «il Grottammare ormai non deve più temere nessuno», semmai siamo sicuri che se potessero, le altre squadre farebbero volentieri a meno di affrontarlo per più di un motivo. Perché i biancazzurri hanno una difesa seconda solo a quella della capolista Renato Curi; perché sono la squadra ad aver perso meno (4 partite) esclusa l’altra capolista Sangiustese; perché negli ultimi 10 turni di imbattibilità hanno messo a segno 13 reti a fronte delle sole 4 subìte; perché l’ultima rete subita risale addirittura all’Epifania (l’ininfluente gol del Canistro, battuto 2-1). Numeri impressionanti che certificano la forza della banda Izzotti.
LA PRO VASTO Tornata in D da due anni dopo tre stagioni in quarta Serie, la squadra biancorossa naviga in brutte acque: Pazzi e soci infatti soltanto 2 punti sopra la zona retrocessione.
Ma la Pro Vasto, anche e soprattutto in virtù di un organico di valore assoluto, è avversario del quale il Grottammare farà meglio a diffidare.
FORMAZIONE Nessun indisponibile in casa biancazzurra, se si esclude capitan Traini che sconterà un turno di squalifica.
Mister Izzotti darà spazio al collaudatissimo 4-2-3-1: Domanico in porta; Cremaschini, Oddi, Marranconi e Marcatili in difesa; in mediana potrebbe toccare ad Ascani affiancare Polenta; in attacco infine il trio Napolano-Bolzan-Tealdi a sostegno di bomber Bucchi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 392 volte, 1 oggi)