SORRENTO – «La Samb ha giocato meglio di noi». Massimo Morgia non si nasconde e condanna la prestazione del suo Sorrento.
«Alla vigilia di questa partita avevo avvertito la squadra: la Samb è una formazione quadrata, tosta, dotata di alcune buone individualità» ha proseguito l’allenatore rossonero. Che aggiunge: «Ho detto loro: l’importante sarà non perdere. E forse la squadra mi ha preso troppo in parola, visto che abbiamo iniziato la gara timidi, quasi compassati. L’atteggiamento è stato sbagliato, dovevamo aggredirli, giocare più spregiudicati e invece abbiamo fatto giocare i nostri avversari. Meno male che siamo riusciti a rimettere in piedi l’incontro».
Facile la sintesi: «Siamo contenti di questo punto». Poi un’ulteriore affondo nei confronti del suo Sorrento: «Si è giocato con la paura. Forse inconsciamente la squadra è entrata in campo consapevole che non potevamo permettere di perdere».
Infine una considerazione sulla Samb: «Mi ha destato una buona impressione. Non si sono mai difesi, ci hanno provato e, alla luce di questa partita, credo che potranno tirarsi fuori dall’attuale situazione classifica».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 738 volte, 1 oggi)