GIULIANOVA – Nonostante il “Ruffini-pensiero” continui a dividere per ciò che riguarda l’emergenza rifiuti in provincia di Teramo, il sindaco di Giulianova va dritto per la sua strada ed anzi sottolinea ancora di più la sua determinazione nell’appoggiare la riapertura della discarica “La Torre” a Teramo.

Del resto, il primo cittadino giuliese coltiva delle convinzioni alle quali non è disposto a rinunciare. «Non possiamo far pagare ai cittadini – ha spiegato il sindaco – eventuali errori di valutazione presenti passati e futuri».

Poi, forse con il pensiero rivolto alle immagini piovute nelle case degli italiani (e non solo) attraverso le varie emittenti televisive, Ruffini aggiunge: «Quella dei rifiuti è una emergenza da non sottovalutare e credo che i sindaci della nostra provincia debbano trovare, tutti insieme, una sintesi appropriata per scongiurare da noi ciò che sta accadendo in Campania. Sarei disposto anche ad un patto con il diavolo pur di trovare dei rimedi validi e risolvere una situazione che, sinceramente, anche nella provincia di Teramo comincia ad essere preoccupante e rischia di far sprofondare a breve anche le nostre zone nell’emergenza dei rifiuti».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 516 volte, 1 oggi)