GIULIANOVA – I comitati cittadini costituitisi per la difesa degli ospedali di Giulianova e Sant’Omero, stanno organizzando, all’insegna di una vicendevole solidarietà, una nuova forma di protesta. Dopo le migliaia di firme raccolte con l’obiettivo di salvaguardare l’attività e la vita dei due nosocomi, c’è la volontà ora di passare a qualcosa di più diretto nei confronti dei vertici regionali.

Da oggi, 31 gennaio, infatti, inizierà la spedizione di centinaia e centinaia di cartoline che avranno come destinatari Ottaviano Del Turco, Presidente della Regione Abruzzo, e di Bernardo Mazzocca, assessore alla sanità. Nello spazio riservato ai messaggi del mittente, non i soliti saluti di chi è partito per le vacanze, ma la seguente frase: «Meno pazienti all’Ospedale con reparti senza primari, meno consensi alla Giunta Regionale. Chi chiuderà per prima?».

Ogni cartolina, naturalmente, porterà la firma per esteso della persona che spedisce, proprio per dimostrare che non si tratta di cittadini tratti dalla fantasia dei Comitati.

Infine, Roberto Ciccocelli, da sempre in prima fila contro il declassamento dell’ospedale di Giulianova, ci ha anticipato che quanto annunciato dal sindaco Ruffini in merito all’apertura dell’Utap nella struttura dell’ex mercato coperto, è assolutamente privo di qualsiasi fondamento e molto presto, carte alla mano, dimostrerà il perché.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 418 volte, 1 oggi)