SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si parla di sviluppo del territorio, di lavoro, di industria, perchè non invitarmi visto che ho dimostrato il mio impegno in questo dibattito?
Questo il senso dello sfogo di Tommaso Caroselli Leali dopo il suo mancato invito all’incontro pubblico del 23 gennaio scorso svoltosi in Comune e organizzato da Cgil, Cisl e Uil.
L’imprenditore sambenedettese è patron della Sassomeccanica e svolge il ruolo di garante all’interno del nucleo di valutazione dei dirigenti comunali, nominato dal sindaco Gaspari.
Queste le sue parole: «Ho condiviso la totalità dei punti proposti in quell’incontro: disegnare una città moderna ed accogliente, in grado di superare le difficoltà occupazionali, creare un nuovo modello di sviluppo, intendere la città come concetto più ampio, e tutto quanto altro ho potuto leggere nelle cronache.
Ritengo che ogni iniziativa volta allo sviluppo del territorio costituisca un fatto estremamente positivo soprattutto in un momento di difficoltà crescente. Avrei certamente preferito ascoltare – continua l’imprenditore – e magari intervenire di persona all’incontro, ma non sono stato invitato, né come persona, né come rappresentante della categoria, né tantomeno, ed è il maggiore rammarico, come promotore di un incontro per lo sviluppo del territorio, svoltosi tra Confindustria e sindacati proprio nei miei uffici».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 452 volte, 1 oggi)