SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La neonata Pro Loco vuole fare sul serio. Novecentocinquanta iscritti, porte aperte ai comitati di quartiere, progetti ambiziosi per la festa della Madonna della Marina e per la festa di San Benedetto Martire, che quest’anno tornerà ad essere celebrata nella data storicamente più consona, il 13 ottobre.
Nella festa estiva dovrebbe tornare l’estrazione dei numeri della tombola prima dei fuochi pirotecnici. E poi una Sagra delle Sagre nell’arco di tre giorni, durante la quale le Pro Loco del piceno riproporranno le sagre paesane in formato ridotto.
Per il 13 ottobre è in cantiere una rievocazione storica del ritrovamento del corpo di San Benedetto con una processione in mare dai costumi e dai cerimoniali aderenti alla realtà del terzo secolo dopo Cristo.
Nel corso della cena di gala al ristorante Il Pescatore di venerdì scorso il presidente della Pro Loco – ed ex presidente del Consorzio Turistico – Marco Calvaresi ha voluto puntualizzare il rapporto della neonata associazione con le altre realtà del mondo della promozione turistica sambenedettese.
«Ci riteniamo complementari all’ottimo lavoro svolto dal Consorzio Turistico e dall’Assoalbergatori. Vogliamo coinvolgere i comitati di quartiere nell’organizzazione delle iniziative, perchè crediamo che la forza di un turismo è fatta anche dalla cittadinanza. La nostra missione è riscoprire i vecchi valori».
Un target condiviso dal presidente del Consiglio comunale Giulietta Capriotti: «Il Comune è a disposizione e collaborerà».
La cena ha sancito la chiusura della assemblea provinciale dell’Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) che ha discusso del bilancio dell’Unpli 2007, del nuovo statuto nazionale e regionale e dell l’iniziativa “Pro Loco in festa 2008” programmata a Porto San Giorgio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 748 volte, 1 oggi)