GROTTAMMARE – Lo temono tutti, a fronte di una imbattibilità che dura da due mesi e mezzo. Ma in casa Grottammare i piedi restano ben saldi a terra. E ora, lasciato alle spalle – da più di un mese – il giro di boa, si entra nella fase clou della stagione.
NUMERI ABRUZZESI. Domenica la squadra di Izzotti renderà visita al Morro d’Oro, quinto in classifica con 4 punti di ritardo dai biancazzurri. Se da un lato i biancorossi hanno il miglior attacco del campionato con 34 centri, dall’altro devono fare i conti con una difesa mediocre, che finora ha incassato la bellezza (si fa per dire) di 31 reti.
In casa però l’undici di Malloni fa paura, tanto che dei 33 punti in classifica, ben 21 sono stati raccolti davanti ai propri tifosi; solo il Campobasso ha saputo fare meglio in casa, guadagnandone due in più. Curiosità: il Morro d’Oro è di gran lunga la squadra che ha raccolto meno pareggi, soltanto tre, tutti in trasferta; di conseguenza i biancorossi sono l’unica squadra a non aver mai pareggiato in casa, dove non conoscono mezze misure: dieci incontri hanno fruttato sette vittorie e tre sconfitte.
E QUELLI DEL GROTTAMMARE. Numeri importanti, numeri che però non possono e non devono fare paura al Grottammare, vale a dire la formazione con il secondo miglior rendimento esterno: 21 dei 37 punti totali sono stati portati a casa lontano dal “Pirani”; soltanto la capolista Renato Curi Angolana ha saputo fare meglio fuori casa, con addirittura 26 punti messi in cascina.
Altri numeri colorati di biancoceleste: gli uomini di Izzotti in trasferta rappresentano la squadra che ha segnato più gol e la seconda ad averne subiti di meno. Alla luce di tutto questo la sfida con il Morro d’Oro si presenta durissima, ma non proibitiva. Un’altra impresa corsara dei biancazzurri – nelle ultime due trasferte sono arrivate altrettante vittorie – vorrebbe dire staccare proprio gli abruzzesi di 7 lunghezze e non perdere contatto dal trio di testa Angolana-Sangiustese-Campobasso.
Tuttavia, visto il rendimento interno degli avversari, un pareggio sarebbe da considerarsi ugualmente un buon risultato: se non altro significherebbe allungare la striscia magica a dieci risultati utili e rimanere ben saldi in zona play-off.
L’UNDICI ANTI-MORRO D’ORO. Spazio al collaudato 4-2-3-1 con Lopetuso che sostituirà lo squalificato Oddi in difesa, mentre l’acciaccato Bolzan e l’influenzato Traini dovrebbero recuperare in tempo.
Questo dunque il probabile undici: Domanico; Cremaschini, Lopetuso, Marranconi, Marcatili; Polenta, Traini; Napolano, Bucchi, Bolzan,Tealdi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 422 volte, 1 oggi)