SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nazzareno Giardinà si trovava da solo nel momento in cui è stato ferito al torace da un colpo partito dal suo fucile da caccia [CLICCA QUI]. Lo hanno stabilito i Carabinieri dopo i rilievi compiuti presso l’abitazione dell’uomo.
Giardinà, pensionato 60 enne, è stato trasportato d’urgenza al Pronto soccorso dell’ospedale civile di San Benedetto. Le sue condizioni hanno subito destato preoccupazioni nei medici, che lo hanno condotto in sala operatoria per un intervento urgente e delicato.
L’arma è un fucile da caccia calibro 12, regolarmente denunciato. Visto che al momento dello sparo non c’era nessuno vicino all’uomo sono due le ipotesi che ora si fanno strada per spiegare quanto accaduto: un tentativo di suicidio oppure un incidente provocato da un maneggio incauto dell’arma.
Si può ipotizzare però che il fucile era stato caricato a pallini, visto che con una carica a pallettoni probabilmente lo sparo ravvicinato avrebbe avuto conseguenze ancora più devastanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 755 volte, 1 oggi)