ROMA – Pace fatta, o almeno in corso, quella tra Regione Marche e Ferrovie dello Stato.
A incrinare un po’ i rapporti era stata la soppressione, lo scorso ottobre, delle fermate ad Ancona degli Eurostar 9327 e 9332, da e per Ancona.
Arriva finalmente un incontro chiarificatore tra Pietro Colonnella, sottosegretario per gli Affari Regionali e le Autonomie Locali e Mauro Moretti, amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, svoltosi mercoledì 23 gennaio a Roma.
Alla base dell’incontro la richiesta di Colonnella di un maggiore impegno per il rafforzamento delle infrastrutture ferroviarie della regione Marche e il potenziamento di tutta la dorsale adriatica, con più treni e più fermate per i passeggeri e per il trasporto merci.
Durante l’incontro si è stabilito di vagliare la possibilità di rafforzare i centri intermodali esistenti nonché di crearne di nuovi per rendere più redditizio ed efficace il trasporto delle merci per le imprese marchigiane. A tal proposito è stato segnalato come prioritario il progetto di elettrificazione della tratta che collega Ascoli a San Benedetto, così da garantire un sostegno logistico alle imprese del Piceno, oggi purtroppo in crisi.
Valutata anche la possibilità di accrescere l’ampiezza della gallerie presenti nelle Marche per rendere più agevole il trasporto di container e tir sui treni. Si è poi passati al pomo della discordia, i collegamenti tra Roma e Ancona, che verranno rivisti, nonostante prevedano una sostenibilità economica non priva di problemi.

«Mauro Moretti – ha dichiarato Pietro Colonnella – ha apprezzato le proposte presentate e ha garantito il suo impegno per i migliorare i collegamenti all’interno delle Marche e con le altre regioni».
«Il mare Adriatico – ha proseguito il sottosegretario – e le regioni che vi si affacciano devono essere sempre più al centro della politica attiva del Governo. Dobbiamo rafforzare i contatti e gli scambi sia lungo la costa, sia con i Balcani e l’Europa Sudorientale».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.426 volte, 1 oggi)