SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Storie di ordinaria impercorribilità, storie di disagi e di reclami, di voci inascoltate, di strade non sicure.
E proprio dal bisogno di “camminare sicuri” che nasce il reclamo di alcuni cittadini che percorrono quotidianamente via Manzini, a Porto d’Ascoli, una traversa di via Torino, meglio nota come Salaria.
Il problema portato alla luce riguarda il fatto che in corrispondenza di via Manzini e di quella adiacente, via Tosatti, la Salaria è totalmente sprovvista di marciapiede. Gli abitanti della zona sono quindi costretti a camminare lungo il ciglio della Salaria per almeno 200 metri prima di raggiungere l’area verde di via Torino, primo “approdo” sicuro. La percorribilità del tratto è ulteriormente messa a rischio da un’inadeguata illuminazione notturna della strada e dalle auto che nella zona viaggiano a velocità piuttosto elevate.
Una situazione pericolosa che i cittadini vogliono porre all’attenzione dell’amministrazione comunale e nel caso specifico dell’assessorato ai Lavori Pubblici, sottolineando che qualche tempo fa il comitato di quartiere Salaria si era fatto portavoce del problema ma ancora non è giunta alcuna risposta dall’amministrazione.
I cittadini dunque auspicano una tempestiva decisione risolutiva a riguardo e si domandano anche perché via Manzini, una strada che esiste a tutti gli effetti, ancora non compaia nelle mappe stradali di San Benedetto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 651 volte, 1 oggi)