GROTTAMMARE – Oggi, 23 gennaio, e domani, e giovedì 24 gennaio, gli alunni delle ultime classi delle elementari e medie delle scuole cittadine sono attesi nella sala Kursaal per la visione di film – preceduta da introduzioni storiche a cura dell’associazione Blow Up. Il programma prevede per il primo appuntamento “L’isola in via degli uccelli” di Soren Kragh-Jacobsen mentre per il secondo “La rosa bianca – Sophie Scholl” di Marc Rothemund.

Un invito a tutta la cittadinanza, invece, l’evento pomeridiano di domenica 27 gennaio dalle 16, che si terrà in via Firenze (nei pressi della delegazione comunale di Zona Ascolani): verrò inaugurato il murale realizzato dal pittore Carlo GentiliContro tutti i fili spinati del mondo”. L’opera, che si estende per una superficie di 105 mq e una lunghezza di 48 metri, sarà oggetto di una cerimonia ufficiale, presenziata dal sindaco Luigi Merli con la partecipazione di autorità dei comuni limitrofi.

Il murale è stato donato dall’artista all’intera comunità locale «Si tratta di un memorial artistico, dedicato a tutti quegli uomini, donne e bambini senza volto e senza nome reclusi dietro un filo spinato – spiega Gentili – dramma che si consuma ancora oggi in molte parti del mondo. Una serie di infinita di segni con valenza singola e collettiva, come a ricordare a tutti noi che ad ogni vita spezzata corrisponde un segno e ad ogni segno è idealmente collegata una speranza. Le motivazioni alla base di questo dipinto sono state tratte principalmente dalle testimonianze di due autori che hanno raccontato, oltre che sperimentato sul proprio animo (e corpo), le atrocità del ‘900: Etty Hillesum e Alexander Solzenicyn».

L’iniziativa prevede anche una lettura di testi dei due autori a cura della professoressa Maria Elisa Radaelli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 708 volte, 1 oggi)