SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da qualche giorno il terreno in viale dello Sport che ospita il Luna Park estivo vede operai e camion betoniere in azione. I proprietari stanno realizzando opere di urbanizzazione e allacci fognari sul terreno, che d’inverno si presenta come una radura incolta e vuota.
Da tempo l’impresa ha ricevuto dal Comune la concessione edilizia per un Palaghiaccio con pista di pattinaggio annessa. La licenza di costruire dopo tre anni dalla concessione sta per scadere, dicono dal Palazzo di viale De Gasperi.
In attesa del Palaghiaccio, i proprietari stanno urbanizzando l’area, evitando allo stesso tempo che la loro licenza perda validità.
La vera notizia è che con ogni probabilità un nuovo ex si aggiungerà alla lista dei vari ex camping, ex tirassegno, ex galoppatoio di cui la città serba imperitura memoria, almeno nella nomenclatura dei suoi posti.
L’area ex Luna Park, potremmo chiamarla d’ora in poi. Piaccia o no è praticamente certo che il Comune dovrà trovare un altro posto per gli spettacoli viaggianti, visto che la vecchia sede non sembra essere più disponibile.
Al momento l’amministrazione comunale non sa quale spazio mettere a disposizione per i giostrai, che anni fa protestarono vivacemente durante un Consiglio comunale contro la scelta di spostarli nella zona nord della città. Una decisione che poi in effetti rientrò alla base.
Fra le zone papabili, alcuni spiazzi in via Volterra o in zona Santissima Annunziata. Da escludere le poche zone libere al centro di San Benedetto, come l’ex galoppatoio, per ragioni di viabilità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.402 volte, 1 oggi)