ROMA – Un’iniziativa unica nella storia del calcio, così si può definire l’incontro che domani, mercoledì 9 gennaio vedrà in Vaticano le società di Serie D in udienza privata con il Santo Padre, Papa Benedetto XIV.
Un incontro unico perché per la prima volta esteso a un’intera realtà sportiva, il calcio di Serie D. E ci saranno anche i dirigenti di Grottammare, nella persona del presidente Amedeo Pignotti, e Centobuchi, rappresentato dal segretario Giacomo Stasolla e dal consigliere Piero Funari.
«E’ un onore per la Serie D – ha detto il presidente del Comitato William Punghellini – poter conferire con il Santo Padre. Saranno presenti tutte le 162 Società che partecipano al nostro Campionato, con alcuni loro familiari».
Un momento di riflessione, oltre che di confronto con il Santo Padre, sui temi della solidarietà: «La Serie D, da sempre – continua Punghellini – è attenta e partecipe alla solidarietà sociale ed alla tutela dei giovani, ne sia prova il nostro sforzo per la valorizzazione in campo dei calciatori juniores; per questo nelle appena trascorse festività natalizie come Comitato abbiamo deciso di fare regali puramente simbolici e consegneremo nelle mani del Papa la cifra risparmiata che verrà devoluta in beneficenza per attività a favore del Bangladesh».
Anche i partner della Serie D parteciperanno all’udienza in Vaticano e la Molten consegnerà al Papa il pallone ufficiale del Campionato, mentre la Sportika farà omaggio al Santo Padre di una maglia da gioco personalizzata con il nome di Benedetto XIV.
Entrambe le aziende doneranno inoltre del materiale tecnico da gioco che sarà devoluto a favore dell’infanzia violata.
La delegazione del Comitato di Serie D sarà accompagnata anche dal Presidente della Figc Giancarlo Abete e dal Commissario della Can-D Matteo Apricena.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 460 volte, 1 oggi)