ASCOLI PICENO – Si chiama “Lucignolo” la maxioperazione antidroga portata a termine mercoledì 8 da 150 uomini del comando provinciale dei Carabinieri di Ascoli.
Dieci le persone arrestate in fragranza di reato e altre sedici finite agli arresti domiciliari o con l’obbligo di dimora nel comune di residenza: questo il triste bilancio dell’operazione che ha interessato oltre al Piceno, anche le province di Teramo, Pistoia e Genova.
L’accusa nei confronti degli arrestati è di spaccio di stupefacenti continuato e in concorso, attività illecita compiuta tra i mesi di marzo e ottobre 2007.
Il blitz è stato reso possibile dall’ausilio di un elicottero del 5º elinucleo di Falconara Marittima e di due unità cinofile del nucleo di Pesaro-Urbino.
I Carabinieri di Ascoli, comandati dal Colonnello Sante De Pasquale hanno ricostruito e poi spezzato tre importantissimi canali di approvvigionamento della droga – in particolar modo dell’eroina – organizzati verso le Marche, dalla Toscana e dal Lazio, oltre che dalle province di Pescara e di Teramo in Abruzzo.
Sono inoltre stati sequestrati anche 300 grammi di eroina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 948 volte, 1 oggi)