*capogruppo consiliare di Forza Italia

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mi corre l’obbligo di replicare ai “Verdi” Canducci-Marinucci, che in merito alla mie affermazioni riguardo la costruenda torre nel quartiere Agraria, mi hanno accusato di mentire sapendo di mentire.
A quanto pare basta essere eletti con una manciata di voti per poter vantare un grado di superiorità indiscussa, se poi si diventa assessore siamo all’onniscienza elevata alla massima potenza…
Udite, udite: secondo il duo Canducci-Marinucci vi è un’identità assoluta tra i metri cubi destinati ai servizi e i metri cubi residenziali, tanto più se alla fine i conti tornano considerato il fatto che ventimila metri cubi erano previsti secondo il Peep della Santissima Annunziata e ventimilaotto ne saranno realizzati.
Mi chiedo come si possa arrivare a concepire e propinare una simile idiozia.
Bisognerebbe che qualcuno spiegasse a Batman e Robin che un conto sono i metri cubi per servizi che producono quindi solo servizi a copertura di una necessità di una zona, un conto sono i metri cubi residenziali che invece in maniera ineludibile producono abitanti in più. Da ciò discende che fosse anche un solo abitante in più lo standard non può rimanere lo stesso.
Considerata la difficoltà di discernimento dimostrata in materia da qualcuno, per diradare la nebbia che offusca le loro menti basterà effettuare un semplice esempio matematico per dimostrare che 100:2=50 mentre 100:3=33,3
Secondo Canducci e Marinucci 50 è uguale a 33,3… forse Gaspari avrebbe fatto meglio ad affidare a Canducci l’assessorato al Bilancio anziché quello all’Ambiente. Altro che finanza creativa!
E bravi i nostri ambientalisti, affannatevi pure a raccontare la favola della torre costruita con marzapane e cioccolato… chissà che sulla scia di Hansel e Gretel non possiate diventare famosi come i fratelli Grimm…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.066 volte, 1 oggi)