SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sul fatto che il project financing sia un ottimo strumento di gestione della cosa pubblica attraverso l’impegno dei privati Benito Rossi non sembra avere dubbi.
Ma sulla questione Palacongressi e sui suoi complicati risvolti giudiziari il segretario del circolo An di Porto d’Ascoli ci vuole andare con le molle: «Diversamente dal sindaco Gaspari ho una serie di dubbi che spero trovino giustizia nella verità attraverso le autorità competenti. Il rispetto della legalità è un fatto su cui non intendiamo discutere. Dalle poche notizie lette sulla stampa sembra proprio che il Tar Marche non sia entrato nel merito ma abbia rigettato il ricorso solo per una questione procedurale, tutta da verificare. Noi profani, prima di giudicare, dovremmo doverosamente attendere l’esito un iter che per più aspetti è ancora sub iudice».

Pertanto, continua Rossi, in attesa del prossimo step della fase amministrativa – la probabile pronuncia del Consiglio di Stato, ndr – e del prosieguo dell’inchiesta penale in corso, «dopo anni ed anni di fiumi di parole e fiumi di risorse, il pasticcio in cui oggi si trova il Palacongressi consiglia a cittadini e politici di avere cautela e sana attesa delle decisioni degli organi competenti».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 555 volte, 1 oggi)