SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Torna Samb-Taranto, sfida che dal dopoguerra ad oggi ha visto disputarsi ben 49 incontri. Quello di domenica prossima sarà il numero cinquanta.
Nel computo una partita di Coppa Italia (stagione 84-85), che si concluse con il risultato di 1-1. Ventisei i precedenti disputati nelle Marche. Il bilancio è nettamente a favore dei rossoblu marchigiani: quindici vittorie, sette pareggi e due sconfitte.
La prima sfida in assoluto è relativa alla stagione 1933-34 – finì 1-1; poi un salto lungo un ventennio: dal dopoguerra in avanti Samb-Taranto è praticamente diventata una classica della cadetteria.
Quaranta incontri fino alla stagione 1989-1990, quella che per la Samb coincise con la fine di un’era: gli uomini di Bruno Pace infatti sprofondarono in quarta serie, categoria mai assaggiata sino a quel momento dagli adriatici. E proprio in quella stagione così nefasta arrivò il primo successo tarantino: un secco 3-0 firmato da Giacchetta, Insanguine e Agostini. Curioso segnale come in precedenza il Taranto non fosse mai riuscito a imporsi allo stadio Fratelli Ballarin.
La seconda affermazione pugliese l’anno scorso, nella gara di esordio della Samb di Alessandro Calori: un gol di Fabrizio Cammarata, al 75′, consentì agli uomini di Papagni di tornarsene a casa con i tre punti.
IONICI IN SERIE SI’. A San Benedetto si presenterà un Taranto in grande spolvero. Sette i risultati utili della formazione di Marco Cari, reduce da ben tre vittorie filate (contro, nell’ordine, Sangiovannese, Ancona e Perugia).
Altalenante il ruolino di marcia dei pugliesi lontano dallo Jacovone: a referto due vittorie (a Martina e San Giovanni Valdarno), quattro pareggi e tre sconfitte. Va comunque sottolineato che i rossoblu non perdono in trasferta dallo scorso 28 ottobre, ovvero dal 2-1 di Lanciano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 797 volte, 1 oggi)