GROTTAMMARE – Raffaele Rossi di Alleanza Nazionale propone di abolire l’Ici sulle case che distano a meno di 500 metri dalle antenne telefoniche e di ridurre la Tarsu del 50%: «Se ne parlerà al Consiglio Comunale del 20 dicembre» dice Rossi in merito all’approvazione prevista delle tariffe Ici e Tarsu.

«Quale migliore occasione per dare una risposta concreta ai cittadini che hanno manifestato in questo ultimo periodo un dissenso profondo alle installazioni di antenne per la telefonia mobile? – scrive il consigliere comunale – La proposta in via indicativa è molto semplice, sgravare le imposte comunali, come azzeramento Ici prima abitazione, e riduzione del 50% della Tarsu a chi risiede nel raggio di 500 m dal palo telefonico».

«Si spera che nessuno taccia questa proposta di essere demagogica – continua Rossi – solo perchè viene dalla opposizione e ancor più discriminata perché viene da destra, speriamo che qualche saccente non la bolli come impossibile, visto che si è già verificata possibile applicabilità. Nei prossimi giorni sarà formulato un emendamento che si spera sarà accolto, sin da ora si tiene a precisare che trattandosi di una proposta, è passibile di modifiche».

«Il principio che si tiene a sostenere è che i proventi comunali di quelle antenne ricadano direttamente ai cittadini che sono esposti alle onde elettromagnetiche» è la conclusione di Rossi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 991 volte, 1 oggi)