SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche gli autotrasportatori piceni hanno aderito allo sciopero nazionale indetto da tutte le confederazioni sindacali: nella giornata di lunedì ci sono stati due punti di “sensibilizzazione” dei camion, con dei blocchi (che però non hanno interferito sul traffico veicolare) autorizzati dal Prefetto, uno all’uscita dell’A14, uno all’incrocio della Statale 16 con la via Bonifica.
«Nei primi nove mesi del 2007 nella nostra regione hanno cessato l’attività 254 aziende di trasporto in conto terzi mentre hanno deciso di “accendere i motori” soltanto 57 nuovi padroncini» si legge nel comunicato diramato da tutti i sindacati (Confartigianato Trasporti, Cna Fita, Fai, Fiap L, Sna Casartigianati, Unitai, Fiap M).
«Non ne possiamo più, l’aumento del prezzo del gasolio porta il costo del carburante ad incidere per il 45-50% sul costo di un viaggio – spiega, esasperato, Simone Feliziani, presidente provinciale di Confartigianato Trasporti – Siamo sottoposti ad una sequenza umiliante di costrizioni: le ore di viaggio vincolate, la patente a punti, abusivismo, concorrenza sleale. Abbiamo chiesto al governo l’introduzione di un “costo minimo”, che salvaguardi la categoria nei confronti dei contraenti, e invece nulla».
La protesta proseguirà fino a venerdì prossimo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.696 volte, 1 oggi)