SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Servono almeno quattro punti nelle prossime due gare». Parola di Enzo Nucifora. L’obiettivo della Samb è arrivare al giro di boa a quota 17. Staremo a vedere se Sangiovannese e Potenza saranno d’accordo.
«Per salvarci nel girone di ritorno dovremmo fare 24-25 punti» osserva il direttore sportivo rossoblu. Ma dopo Natale in casa Samb cambieranno molte cose. E’ qualcosa in più di una sensazione. Diversi i calciatori che faranno le valigie. Altrettanti quelli che si accaseranno in rossoblu.
Ma andiamo per gradi. Torniamo alla sfida di Ancona. Chiediamo a Nucifora: alla fine del primo tempo allo stadio Del Conero l’abbiamo vista molto deluso.
«E’ vero, ero deluso perché abbiamo subìto un gol, quello di Anderson, viziato da due falli: uno su Galeotti, trattenuto per la maglia, e l’altro su Moi, sul quale c’è stato un blocco. Dispiace prendere gol in quella maniera. Comunque se gli attaccanti sono furbi, i difensori devono essere altrettanto smaliziati. Perdere purtroppo non mi piace: in un campionato più di quattro partite agli avversari non ce la faccio a concederle. Se sono di più sto male fisicamente».
Cosa l’ha soddisfatta della prestazione di Ancona?
«Siamo riusciti a rimettere in piedi una partita in casa della vicecapolista: siamo stati bravi ad approfittare di un calo dell’Ancona. E’ ovvio che ancora non c’è massima soddisfazione: la classifica resta difficile. E poi, diciamocela tutta, dispiace per il comportamento di qualche tifoso che continua a farci prendere multe piuttosto salate. La Samb ha bisogno del calore dei suoi tifosi e basta».
Chiediamo anche a lei – abbiamo fatto altrettanto con mister Piccioni – il motivo per il quale questa Samb prima di reagire deve prendere uno “schiaffo”.
«Una squadra che in 12 gare fa 8 punti è assuefatta alla sconfitta e scende in campo preoccupata, frenata. Sono i mali di una squadra perdente. Poi quando vanno sotto reagiscono con l’orgoglio. La squadra insomma, non si stima completamente. Ma a poco a poco si risolverà anche questo problema».
Nel primo tempo in effetti la Samb è sembrata troppo timorosa?
Non condivido questa lettura. Abbiamo giocato con un 4-3-2-1, non è che il mettere in campo tanti attaccanti è sinonimo di squadra vincente. La tattica del mister è stata giusta: abbiamo fatti correre di più l’Ancona, l’abbiamo fatta stancare e poi l’abbiamo colpita al momento opportuno».
Veniamo alla Sangiovannese. Gara da vincere a tutti i costi.
«E’ una gara importantissima, ma non determinante per la salvezza. I ragazzi non devono pensare che quello di domenica è lo spareggio finale. Il calcio è strano. Metterei la firma per ottenere quattro punti in due incontri. Se non vinciamo domenica vorrà dire che andremo a vincere a Potenza. Non mi importa dove prendere i punti, l’importante è rispettare la media inglese: dobbiamo “girare” a 17. Alla fine i valori verranno fuori, i campionati non si vincono o non ci si salva a Natale. Quali sono i nostri valori? Con qualche “sostegno” saremo una squadra importante di C1».
A proposito di mercato: ci prepariamo a una rivoluzione?
«Non lo so, il mercato bisogna valutarlo bene. I sondaggi sono una cosa, concluderli è un’altra. In quattro partite possono cambiare tante cose, con prestazioni positive o negative si decide le sorti di tanti calciatori. La società ha stabilito un budget stabilito? No, bisogna rispettare quello che è in corso, che è alto. Se c’è da spendere non ci tireremo indietro, ma credo che servirà solo qualche rinforzo. Dal 24 dicembre (dopo la partita interna contro il Taranto, ndr) in poi, parleremo solo di questo. La squadra andrà in vacanza, il sottoscritto si metterà al lavoro».
Un’ultima domanda. Parliamo di Olivieri: fa male in rossoblu e bene con la maglia della Nazionale. Perché secondo lei?
«Lui ha un forte attaccamento alla squadra e alla società, sente più degli altri le partite. L’importanza dei risultati in questo momento lo blocca. Quando gioca senza preoccupazioni, come magari succede con la Nazionale di C, mostra il suo valore. Olivieri è l’esempio più importante del blocco psicologico che affligge la Samb»

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 962 volte, 1 oggi)