Ballarin. C’è poco da aggiungere. Pier Paolo Flammini con un suo articolo, Daniele Primavera e diversi altri lettori hanno commentato la donazione dell’area ex Ballarin alla Fondazione Carisap (ma di solito non avviene il contrario?) come meglio non si potrebbe. Con una tale saggezza che non ho invece riscontrato in chi ha lanciato l’idea e cioè il sindaco Giovanni Gaspari (che non credo sia disponibile soltanto agli elogi che ci capita di fargli, ogni tanto). C’è chi (un nostro collega) lo ha elogiato perché stavolta è stato decisionista. Dimenticando che, sui giornali, non va elogiato chi decide ma quello che si decide e come si decide. Che ancora non esiste. Altrimenti diventa una semplice “marchetta”.
Primavera. Voglio dedicargli un disappunto a parte perché, se non si guasta col crescere, questo ragazzo ha tutto per diventare una colonna della nuova politica. Quella che si augurano in molti, grillini, fans di Travaglio e no. Ma è di Rifondazione comunista? E che vuol dire? Innanzitutto il marchio non è infamante, poi non mi sembra proprio che le sue parole costituiscano la linea del partito. Che ha in giunta un suo assessore. Complimenti.
Oculistica. Quattro medici del reparto dicono una cosa, il presunto primario un’altra. Più o meno l’opposto. Ci può stare ma sapere che in un reparto i medici sono tra loro come cani e gatti non tranquillizza i potenziali pazienti. O no? Con il primario Cocca il direttore generale Giuseppe Petrone che con l’oculistica vuole aggiungere un’altra perla all’opera di “demolizione” proseguita con il suo avvento al comando. Stiamo anche capendo chi ce lo ha voluto e perché. Petrone ha detto: «In oculistica c’era il vuoto». E chi l’ha voluto? Chi lo ha portato a quel punto? Io? Mi sto immaginando quando, fra qualche mese, dirà: in Pediatria, in Direzione sanitaria… c’era il vuoto. E chi lo sta facendo? Io? Una piccola appendice la merita il Laboratorio Analisi. Alcuni mesi fa è stato esaltato il primario Lai come un “rivoluzionario” della diagnostica, l’altro giorno è stato spedito (in pre pensione?) in Regione, lasciando scoperto il ruolo. In questo caso, però, si vedrà fra qualche mese se è stato, o no, procurato un danno…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.002 volte, 1 oggi)