ASCOLI PICENO – La Confcommercio è intenta quest’anno a combattere la concorrenza sleale in materia di saldi invernali.
Secondo quanto stabilito dalla giunta regionale, i saldi inizieranno sabato 5 gennaio e termineranno sabato 1º marzo. Gli accordi presi escludono ogni tipo di vendita promozionale da effettuare al di fuori del periodo stabilito e soprattutto nel mese di dicembre.
Nonostante gli accordi presi, nella provincia di Ascoli Piceno, alcuni operatori hanno iniziato a fare vendite promozionali anche in questo periodo, ignorando dunque le normative vigenti.
Per questa motivazione la Confcommercio di Ascoli Piceno con una nota firmata dal presidente Igino Cacciatori e dal direttore Giorgio Fiori, ha rivolto un appello a tutti i 33 sindaci della provincia di Ascoli Piceno, esortandoli a esercitare un maggiore controllo.
«Pur comprendendo – si legge nella nota della Confcommercio – che tale periodo di crisi “costringa” per certi versi gli imprenditori a promuovere iniziative di attrattiva, le leggi vanno comunque applicate e rispettate e vanno represse azioni concorrenziali anomale per la tutela di chi, al contrario, le norme le rispetta».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.706 volte, 1 oggi)