Vecci Profumerie Jesi-Mail Express San Benedetto 3-2
PROFUMERIE VECCI JESI: Beldomenico, Bracaccini, Di Tommaso, Filipponi, Giampieri, Grilli, Luconi, Morichelli, Pallottelli, Spargoli, Stoico, Bari (L). Allenatore: Carletti.
MAIL EXPRESS: Timpanaro, Laraia, Gaspari, Faraone, Jurewicz, Della Nina, Raffaelli, Grigolon, Rossetti, Caucci, Piccirillo, Ciancio (L). Allenatore: Brutti.
Arbitri: Proietti e Toni di Terni.
Parziali: 21-25, 25-23, 18-25, 25-23, 15-10.
Durata incontro: 135′.
JESI – Derby indigesti per la Mail Express che, come era successo a Castelferretti, anche a Jesi sul 2-1 si fa recuperare e poi superare dagli avversari.
I rossoblu partono forte: il primo set scivola via senza grossi problemi. Nel secondo parziale i locali vanno sopra, poi subiscono il ritorno rossoblu. San Benedetto spreca la palla del 24 pari e Jesi pareggia.
Grande reazione della Mail Express nel set successivo: 2-1. Nel quarto parziale, vuoi l’imprecisione, vuoi qualche decisione arbitrale discutibile, la Vecci Profumerie torna a vincere sul filo del rasoio. Segue un tie break di indiscutibile marca jesina.
Il coach rossoblu Alessandro Brutti ad ogni modo non se la sente di bocciare la prestazione dei suoi uomini: «Non potrei: siamo rimasti in partita per cinque set, abbiamo sputato sangue dall’inizio alla fine. Abbiamo sbagliato nel quarto parziale ad innervosirci per alcune decisioni dell’arbitro. Fossimo rimasti più calmi forse adesso staremmo qui a commentare un 3-1 in nostro favore».
Occorre subito voltare pagina: al PalaSpeca sabato prossimo arriva la Sira Ancona, sodalizio di cui Brutti ha difeso i colori per tre anni: «Ovviamente ci tengo parecchio: proverò comunque a non trasmettere questo sentimento ai ragazzi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 404 volte, 1 oggi)