SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il caso Ahmetovic, il rom che ha causato la morte di quattro minorenni appignanesi a causa di un incidente stradale e che ora rischia di sfruttare la macabra notorietà per fini commerciali, provoca l’irritazione anche di Tullio Luciani, presidente degli agenti e rappresentanti di commercio della Confcommercio di San Benedetto.
«Facciano pure il business che vogliono – scrive Luciani – ma è chiaro che non troveranno mai un agente disposto a promuovere occhiali, jeans, maglie e quant’altro della “Linearom” e mi auguro che non vi sia nessun dettagliante disposto a vendere capi della stessa griffe»
Il presidente della Confcommercio provinciale Giorgio Fiori, da parte sua, smentisce la voce circolata secondo cui Ahmetovic fosse stato contattato dalle discoteche aderenti al Silb (Sindacato Italiano Locali da Ballo) aderente alla Confcommercio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 609 volte, 1 oggi)