MARTINSICURO – Si è tenuto ieri 29 novembre il Consiglio comunale a Martinsicuro. Numerosi i punti all’ordine del giorno, tra cui il riconoscimento dei debiti fuori bilancio del caso Franchi (la cui somma ammonta attualmente a circa 800 mila euro) e della vicenda Manzolini (13 mila euro), l’approvazione dell’assestamento di bilancio dell’esercizio finanziario 2007, il programma regionale pluriennale degli interventi di straordinaria manutenzione del territorio e la discussione delle linee programmatiche di mandato. Sicuramente però l’oggetto del contendere che ha suscitato una diatriba tra maggioranza e opposizione non sono state le questioni dibattute in sede di assise civica, bensì l’orario in cui questa si è tenuta: le 9 del mattino.

Un orario che per il gruppo consiliare di minoranza Città Attiva è risultato inaccettabile per l’incompatibilità con le esigenze dei cittadini che, per ragioni lavorative, non avrebbero potuto partecipare all’incontro in Consiglio. Pertanto dopo le richieste avanzate di avere uno spostamento dell’orario, dapprima alle 15 e poi alle 18, e non avendo ottenuto risposta dalla maggioranza, il gruppo di opposizione ha deciso di disertare il Consiglio Comunale.

«E’ una posizione strumentale – ha dichiarato in proposito il sindaco Di Salvatore – e mi fa piacere che non sia stata condivisa dagli altri due gruppi di opposizione».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 620 volte, 1 oggi)