SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il rugby, sport di valori per antonomasia. Che unisce, più che dividere. E’ il caso di San Benedetto e Ascoli, città da sempre molto rivali in ambito calcistico.
La palla ovale è riuscita nell’intento di avvicinare le due realtà: avviata la collaborazione tra la Soltec Samb e l’Amatori Ascoli. Alcuni giovani atleti della società bianconera nel fine settimana appena archiviato hanno esordito nelle file della formazione Under 17 rossoblu, a suggello di questo accordo sancito tra i due sodalizi. E, a giudicare dal risultato – bella vittoria esterna, per 24 a 6, ai danni del Teramo – la scelta è stata azzeccata.
E’ andata male invece alla prima squadra della Soltec, sconfitta a domicilio dal Gran Sasso. Evidente il divario tra la terza forza del girone 1 e una Samb che in questo avvio di stagione sta incontrando grandi difficoltà. Al Ballarin è finita 13-3 in favore del quindici abruzzese.
Prossimo impegno per la squadra del duo Spaletra-Massi sempre in casa, contro Terni.
Chiude il quadro del fine settimana la vittoria dell’Under 15, impostasi 41-20 in quel di Ascoli, nel primo derby in assoluto, almeno in una competizione ufficiale, tra le due squadre. Ben sette le mete realizzate dai ragazzi di coach Simonetti, con Mirco D’Angelo, Riccardo d’Angelo e Omar Meherzi.
A coronamento della festa sul campo e sugli spalti, un gustoso “terzo tempo” che ha visto protagonisti i genitori di tutti gli atleti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.368 volte, 1 oggi)