GIULIANOVA – Se l’Ospedale di Sant’Omero non naviga in buone acque, nella stessa condizione si trovano anche gli altri tre presidi ospedalieri della provincia teramana. A denunciare il degrado dei reparti e il ridimensionamento dei servizi sanitari offerti ai cittadini è stavolta anche la Cgil Sanità. Attraverso una nota il sindacato teme che l’Ospedale di Giulianova possa perdere a breve il reparto di Radiologia, in quanto nel nuovo piano di riassetto della struttura, elaborato dal direttore generale della Asl di Teramo Mario Molinari, è prevista la cancellazione del primario addetto al servizio.

«Dopo il trasferimento di personale tecnico deciso dalla direzione generale della Asl di Teramo – si legge nella nota – la nuova proposta di rideterminazione della dotazione organica della dirigenza dell’ospedale di Giulianova prevede il taglio del posto di primario della Radiologia. Si tratta di un provvedimento che inevitabilmente porterebbe alla chiusura di questo servizio. Un reparto o un servizio senza un dirigente malfunziona o addirittura, come accade in alcuni casi, non funziona affatto. Di conseguenza prima o poi cessa di esistere. Un ospedale, per essere definito tale, deve essere corredato di diagnostica al fine di assicurare un’idonea assistenza. A Giulianova si stanno perdendo certe caratteristiche. E di questo passo il ridimensionamento della nostra struttura sanitaria sarà totale».

La Cgil pertanto, chiede a Molinari un confronto per rivedere diversi punti previsti nel piano di riordino sanitario. Situazione piuttosto simile si vive anche a Teramo: non solo all’interno dei reparti dell’ospedale si avvertono i disagi dovuti alla riduzione del personale e al ridimensionamento di alcuni servizi, ma la situazione risulta piuttosto preoccupante anche in altre strutture sanitarie annesse al presidio ospedaliero, come ad esempio il Consultorio familiare. Un ecografo vecchio di 25 anni che ormai accusa pesantemente i segni del tempo, complementi d’arredo piuttosto fatiscenti e in alcuni casi rotti, e mancanza di alcuni servici igienici.

Alle visite effettuate dai dirigenti della Asl nella struttura circa un anno fa e la constatazione dei lavori di ammodernamento che sarebbero dovuti essere eseguiti, non è seguito poi di fatto alcun tipo di intervento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 445 volte, 1 oggi)