SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il “covo” del Bitches Brew Jazz Club torna ad ospitare un altro monumento della storia del jazz del Novecento: il batterista Roy Haynes si esibirà martedì 20 novembre, dalle 21:30, portando con sè l’esperienza ultracinquantennale.

La sua carriera iniziò nel 1945 e fu nel gruppo di Lester Young dal 1947 al 1949. Negli anni ’50, Haynes collaborò con il genio del be bop Charlie Parker, poi con Bud Powell, Stan Getz, Sarah Vaughan, Thelonious Monk, Lennie Tristano, Miles Davis.

Haynes continuò la sua carriera di sideman di lusso anche nel corso degli anni ’60: fu il batterista di Eric Dolphy, di John Coltrane (sostituiva Elvin Jones durante le sue assenze causate dalla tossicodipendenza), per poi, successivamente ad altre collaborazioni, intraprendere una carriera da leader del gruppo, spesso presentato con il nome di “Hip Ensemble”.
Oltre ad essere uno dei più registrati e longevi batteristi della scena jazz, Roy Haynes è anche ritentuo da alcuni uno dei musicisti più originali nel suo genere: dal bebop all’avanguardia, da una voce delicata come la Vaughan al Coltrane del periodo più vulcanico.

Sicuramente un appuntamento imperdibile per gli appassionati del genere e non solo: non è facile avere la storia del grande jazz a San Benedetto. Un plauso va dunque al Bitches Brew per l’attività di programmazione, sempre di assoluto livello.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.176 volte, 1 oggi)