da Sambenedettoggi.it in edicola sabato 17 novembre

SAN BENEDETTO DEL TRONTO -Gli imprenditori balneari della Sib/Confcommercio continuano la loro battaglia per la riformulazione di un articolo, inerente la Finanziaria 2007, che prevede la trasformazione dei canoni demaniali in canoni di affitto dei beni commerciali che insistono su una proprietà pubblica.

Numerosi sono gli stabilimenti balneari di altre Regioni che hanno già presentato un ricorso al TAR. Da un’attenta analisi emerge che l’imposta dei canoni demaniali è ben 10 volte superiore a quella versati lo scorso anno per i cosiddetti “stabilimenti storici”.

«Tali iniziative di profilo giudiziale – evidenzia il direttore di Sib/Confcommercio, Giorgio Fiori – saranno certamente replicate a tempo debito dalla Confcommercio per le imprese della Riviera delle Palme per assicurare una adeguata tutela al nostro comparto balneare. La trasformazione dei canoni demaniali, in canoni commerciali, ha portato ad un incremento delle somme richieste dalle nuove autorità concedenti pari a 10/15 volte in più rispetto agli importi versati nel 2006, portando al collasso economico il 25% delle imprese».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.998 volte, 1 oggi)