da Sambenedettoggi.it in edicola giovedì 15 novembre
MONTEPRANDONE – Lo svincolo della superstrada Ascoli-San Benedetto, verso la zona industriale di Centobuchi, si farà. Così come il centro direzionale, comprensivo di una multisala cinematografica, un ristorante e probabilmente dei negozi, per un’area complessiva di 20 mila metri quadrati. Questo è il responso dell’incontro che si è svolto mercoledì a Monteprandone, tra i rappresentanti dello stesso Comune, della Provincia di Ascoli e dei comuni vicini di San Benedetto, Grottammare, Cupra Marittima, Acquaviva, Spinetoli, Monsampolo e Colli. Gli enti locali hanno espresso una loro condivisione di massima al progetto.
Adesso, come spiega il vicesindaco Bordoni, «si tratta di avviare l’iter burocratico». Chi realizzerà il nuovo svincolo sulla superstrada avrà modo di ottenere una variante di destinazione (da artigianale a commerciale) per le strutture prima menzionate.
Per la viabilità di Centobuchi il progetto si preannuncia molto interessante, poiché permetterebbe di spostare tutto il transito di merci pesante dalla Salaria alla superstrada.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 731 volte, 1 oggi)