Toh questa non me l’aspettavo e gliene rendo merito. Mi riferisco all’ex assessore ai lavori pubblici Palmiro Merli (il sindaco era Perazzoli) che ci ha inviato una precisazione a proposito della Piceno Consind: «Per me il Piceno Consind è un ente che andrebbe accorpato con almeno tre o quattro altri enti della zona, che svolgono funzioni pressoché simili».
I nostri complimenti a Palmiro, non tanto perché ha corretto una nostra imprecisione (non avevamo tenuto conto delle sue dimisisoni) ma perché, da ex DS qual è, ha detto e suggerito una sacrosanta verità: e cioè che l’ente è inutile e costoso per la comunità. Il suggerimento di accorparlo con altri tre o quattro simili significa anche che ne esistono almeno altri tre o quattro egualmente dannosi, inutili e deleteri per la comunità.
A questo punto sono proprio curioso di sapere quali sono ma anche di conoscere il parere di altri politici (di destra, di centrodestra, di centro sinistra o di sinistra) in risposta alle “pesanti” parole del buon Palmiro. Se nessuno parla e lo smentisce, vuol dire che certi uomini politici, al potere e non, sono d’accordo con Merli ma hanno paura di perdere euro incassati senza un motivo vero e tolti alla comunità.
Insomma i cittadini sambenedettesi, pur avendo le prove che qualcuno sta sfilando impropriamente soldi dalle loro tasche, devono star zitti e magari tornare a votarli nella prossima consultazione elettorale.
Questo nocivo silenzio-assenso deve finire. Aiutateci affinché ciò accada.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.015 volte, 1 oggi)