Centobuchi-Santegidiese 1-0
CENTOBUCHI: Merletti, Alessandrini, Troli, Corradetti, Cameli, De Amicis, Cesani (93′ Di Giacomo), Simoni, Vidallé, De Angelis (84′ Giuseppe Pesce), Gianluca Pesce. A disposizione: Tocchi, Di Giuseppe, Mozzoni, Pignoloni, Frinconi. Allenatore: Marocchi.
SANTEGIDIESE: Dettorre, Ciccola, Monaco, D. Casali, Gioffré, Bagnara, Esposito, Cipolloni (61′ Orlandi), Gonzales, Galiffa (76′ M. Casali), Di Felice. A disposizione: Scarriglia, Cappelli, D’Arcangeli, Schicchi, Marigliano. Allenatore: Aloisi.
Arbitro: Partuini di Latina.
Rete: 59′ De Amicis (C)
Espulsi: 90′ Merletti (C), D.Casali (S), Bagnara (S), Vidallé (C), 96′ Di Felice (S).
Ammoniti: Vidallé (C), D’Ettorre (S), Simoni (C), Gioffré (S), Bagnara (S), Corradetti (C), Gonzales (S).
Angoli: 5-2
Spettatori: 400 circa. Un’ottantina i tifosi provenienti dall’Abruzzo.
MONTEPRANDONE – Terzo successo in campionato per il Centobuchi dopo la sconfitta di giovedì a Bojano. Come domenica scorsa contro il Canistro Luco il gol della vittoria lo ha firmato Massimo De Amicis, peraltro sempre su calcio piazzato. Gara dura al Comunale, contro una Santegidiese bisognosa anch’essa di punti. Il pari sarebbe stato forse più equo per entrambe le squadre ma per gli uomini di Marocchi conquistare l’intera posta in palio, in un momento delicato come questo, era troppo importante.
I biancocelesti arrivavano alla sfida contro la Sant privi di Cacciatore e Pinciarelli e con una rosa dimezzata dalle cessioni di Centofanti e Costescu.
Primo tempo noioso. Al 4’ De Amicis sparava alto. Un minuto dopo gli ospiti guidati dall’ex giocatore ascolano Aloisi rispondevano con uno scambio Galiffa-Gonzales, con quest’ultimo che veniva bloccato da Merletti che gli chiudeva lo specchio della porta. Al 17’ grande conclusione da fuori di Cesani che si spegneva di un niente vicino al palo. Al 40’ si rifacevano vivi gli ospiti: Merletti non tratteneva un pallone che giungeva a Esposito che con una gran botta mancava di poco il bersaglio.
Ripresa molto più vivace e godibile. Al 59’ l’episodio decisivo quando una punizione dal limite guadagnata da capitan Simoni – una vera e propria diga a centrocampo – veniva trasformata con precisione da De Amicis: la palla andava a morire nell’angoletto sinistro.
Al 65’ il centrocampista del Centobuchi ci riprovava, ma stavolta la parabola a girare andava di poco alta sopra la traversa. All’83’ percussione di Gonzales e battuta a rete da fuori con deviazione impercettibile ma decisiva di Merletti, oggi autore di un’ottima prestazione. In sintesi: l’estremo difensore ha riscattato la topica di Bojano.
Sugli sviluppi del corner guadagnato i giallorossi sfioravano il pareggio con un colpo di testa di D. Casali che si stampava sulla traversa. Poi al 90’ succede l’inaspettato quando su una palla ormai innocua viene travolto il portiere Merletti che reagendo scatena una rissa furibonda: il direttore di gara estrae ben 4 cartellini rossi – due per parte – mandando sotto la doccia lo stesso Merletti, i difensori ospiti D. Casali e Bagnara e dopo un consulto con il guardalinee anche Vidallé (che rientrava proprio oggi dalla squalifica).
Nei sette minuti di recupero che l’arbitro è costretto a dare in seguito alla rissaprolungata c’è tempo per un altro rosso che va all’attaccante abruzzese Di Felice.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 861 volte, 1 oggi)