Renato Curi Angolana-Grottammare 0-2
RENATO CURI ANGOLANA: Fanti, Massascusa, Sablone, Costa (50′ Ferreira), Mucciante, Fuschi, Mariotti, Baldi, Fanesi, De Filippis (64′ Donzelli), Parmigiani (50′ Rosa). A disposizione: Del Gaudio, Pirozzi, D’Alonzo, Bordoni, Rosa. Allenatore: Augusto Gentilini.
GROTTAMMARE: Domanico, Iampieri, Costanzo, Ascani, Oddi, Marranconi, Cremaschini (79′ Tealdi), Traini, Laino, Bolzan, Curzi. A disposizione: Di Salvatore, Lopetuso, Shamentaj, Polenta, Marcatili, Pasquini. Allenatore: Domenico Izzotti.
Arbitro: Mariani di Aprilia.
Assistenti: Pierangeli di Tivoli e Garito di Aprilia.
Marcatori: 18′ Curzi, 61′ Traini.
Ammoniti: Costa (RC), Sablone (RC), Massascusa (RC), Domanico (G), Bolzan (G).
Angoli: 11-4.
Recuperi: 4’ pt, 5’ st.
Note: presenti circa 250 spettatori.
CITTA’ SANT’ANGELO – Settimana da incorniciare per il Grottammare che in otto giorni incamera la bellezza di 9 punti. Tre vittorie di fila che danno tutto un altro volto alla classifica della banda Izzotti, ora addirittura a ridosso delle prime della classe.
Dopo Narnese e Agnonese si deve arrendere ai biancocelesti la Renato Curi dell’ex Massimiliano Fanesi, mai sconfitta finora. Partita intelligente quella disputata dal Grottammare al Comunale di Città Sant’Angelo; risultato di contro troppo severo per i padroni di casa, che però pur comandando le operazioni del gioco quasi per intero, hanno fatto troppa confusione negli ultimi 16 metri.
In casa marchigiana mancano all’appello gli squalificati Napolano e Bucchi. L’argentino Bolzan fa il suo esordio dal 1′, mentre i neoacquisti Lopetuso e Tealdi si accomodano in panchina.
Sull’altra sponda il tecnico sambenedettese Gentilini disegna il consueto 4-4-2, concedendo un turno di riposo al terzino Scrozzo e al centrocampista Ferreira. Cronaca avara nel primo tempo. Partono meglio i locali, che al 13′ si rendono pericolosi con Baldi, la cui conclusione dal limite costringe Domanico alla deviazione in angolo.
Al 18′ passa il Grottammare: splendido scambio Bolzan-Iampieri (tacco dell’argentino), il terzino biancoceleste vede largo Curzi il quale poco dopo essere entrato in area di rigore angolana scarica un diagonale che si infila nell’angolino basso alla sinistra di Fanti. E’ una mazzata per la Renato Curi, che si affida solo a conclusioni dalla distanza con i vari Parmigiani (25′), Baldi (29′) e De Filippis (39′ e 47′).
Ripresa di ben altro tenore per i nerazzurri, che partono a spron battuto: al 1′ Mariotti serve Fanesi, l’ex Grottammare appostato sul dischetto dell’area di rigore calcia a lato. Mister Gentilini intanto inserisce Rosa per uno spento Parmigiani. Ci provano ancora Fanesi (6′) e De Filippis (12′) – servito dall’argentino Ferreira, entrato una manciata di minuti prima – ma l’Angolana è ancora una volta imprecisa.
E proprio nel momento di maggiore pressione abruzzese, il Grottammare colpisce ancora. Cremaschini, su azione di contropiede, a imbeccare il solito Traini, bravo a tu per tu con il portiere locale a infilarlo con un rasoterra preciso: 2-0. E’ il 16′.
L’allenatore della Renato Curi tenta la carta della disperazione, inserendo la punta Donzelli e passando al 4-3-3. Al 23′ ci prova Fanesi, ancora una volta però la sua conclusione è sballata. Al 35′ è il neoentrato Tealdi – sostituisce l’infortunato Cremaschini – a servire a Curzi la palla del 3-0, ma l’esterno sinistro di Izzotti manca di poco il bersaglio.
L’Angolana non si arrende, rendendosi pericolosa con Donzelli (37′) e Rosa (39′ e 41′), ma il fortino biancoceleste resiste fino alla fine. Domanico e soci alla fine possono festeggiare la terza vittoria di fila e aspettare la vicecapolista Campobasso in tutta tranquillità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.003 volte, 1 oggi)