SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Food Invest di Porto d’Ascoli ha smentito ufficialmente di essere prossima alla chiusura. Le note difficoltà finanziarie e la crisi del settore agroindustriale rendono comunque preoccupante la situazione dell’azienda produttrice di surgelati, di proprietà dell’imprenditore romano Aristide Malavolta.
Dall’incontro di giovedì in Comune fra sindacati e istituzioni locali è emerso un quadro ancora incerto. La Regione Marche, per voce del vicepresidente Luciano Agostini, fornirà agevolazioni e sostegno all’azienda solo in presenza di un piano di rilancio ben definito. Già un mese fa il Comune aveva proposto agevolazioni fiscali in cambio della tutela dei lavoratori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 465 volte, 1 oggi)