TERAMO – Intascava i soldi dei clienti versati per il pagamento di tasse e previdenza sociale e li depositava sul conto della moglie. Un ragioniere commercialista di Teramo è stato denunciato dalla Guardia di Finanza per appropriazione indebita e falso materiale.

L’indagine degli uomini del Comando provinciale delle Fiamme Gialle era stata avviata a seguito della denuncia sporta da alcuni clienti del commercialista, in particolare titolari di piccole aziende del teramano e della provincia, che continuavano a ricevere cartelle esattoriali da parte di enti concessionari della riscossione dei tributi per il mancato pagamento di tasse e di contributi per la previdenza sociale.

In seguito alle indagini è risultato che il professionista tratteneva gran parte delle somme versate dai clienti per il pagamento delle imposte e di contributi previdenziali e li depositava sul conto della moglie, per una cifra complessiva di 80 mila euro. Aveva inoltre provveduto a fornire ai suoi clienti falsi e inesistenti certificati di sgravio delle imposte e dei contributi non versati, per ovviare ogni sospetto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 917 volte, 1 oggi)