SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le Fiamme Gialle della Compagnia di San Benedetto hanno sequestrato 35 grammi di eroina, oltre 500 grammi di sostanze da taglio e circa 5000 euro in contanti, traendo in arresto cinque persone con l’accusa di spaccio di stupefacenti. Si tratta di cinque tunisini; l’operazione ha portato anche alla denuncia a piede libero di un sambenedettese 40 enne.
Il sequestro e gli arresti sono stati il frutto di attività di intelligence, sviluppate dagli investigatori delle Fiamme Gialle con attività informative e interventi di controllo del territorio, che alla fine hanno portato gli investigatori alla base dello spaccio, un appartamento in via Laureati.
Grazie agli appostamenti effettuati dai militari, e al controllo del tossicodipendente italiano V.A., l’indagine è arrivata alla svolta decisiva. Dopo aver assistito a uno scambio di sostanze stupefacenti fra l’italiano e uno dei tunisini, i militari facevano irruzione nell’appartamento.
Arrestati con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti I.A. di 20 anni, S.Y.B.A. di 22, B.Y. di 28, G.S. di 29 e K.E.H. di 25.

Gli accertamenti presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Ascoli Piceno hanno inoltre constatato che quattro di loro non hanno ottemperato ad un ordine di espulsione emesso dal Questore di Ascoli Piceno, mentre il quinto è risultato sprovvisto di regolare permesso di soggiorno.

Il cittadino italiano, V.A., veniva invece segnalato a piede libero alla Procura di Ascoli Piceno, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, considerata la quantità di stupefacente rinvenuta a suo carico, superiore alla soglia prevista dalla normativa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 16.640 volte, 1 oggi)